Prezzi medi settimanali in US$/ton del Minerale di ferro CFR North China (figura 1, scala di destra). Una correzione (-1%) rallenta l’ascesa dei prezzi avviatasi a fine aprile. Sebbene appaia probabile il proseguimento della fase contro-tendenziale destinata ad allentare la condizione di ipercomprato segnalata dalle curve tecniche, la dinamica resta orientata a raggiungere il top fissato giusto un anno fa.

Prezzi medi settimanali in US$/ton del Carbone da Coke FOB Australia (figura 1, scala di sinistra). La debolezza che accompagna le quotazioni dallo scorso mese di marzo trova conferma nell’ulteriore ribasso che amplia a -6,6% la caduta dagli inizi del mese. La violazione dei supporti costituiti dai minimi di maggio profila la persistenza della deriva declinante.

Rallenta l’ascesa del minerale

Cliccare sull’immagine per vederla ingrandita

Prezzi medi settimanali in US$/ton del Coils a caldo FOB Black Sea (figura 2). Un modesto recupero (+2,2%) riorienta al rialzo la curva dei prezzi che, seppure con scarsa forza propulsiva, appare diretta verso i limiti superiori del canale declinante. Le curve tecniche continuano a segnalare scarsa volatilità.

Rallenta l’ascesa del minerale

Cliccare sull’immagine per vederla ingrandita

Prezzi medi settimanali in US$/ton del Rottame CFR Turkey (figura 3). Realizzando le attese della scorsa settimana, un nuovo rialzo alimenta la rimonta dei prezzi avviatasi due settimane orsono (+4,8%). Lo spunto abbatte la resistenza opposto dal massimo registrato a metà giugno, proiettandolo verso i massimi di febbraio.

Rallenta l’ascesa del minerale

Cliccare sull’immagine per vederla ingrandita

Prezzi medi settimanali in US$/ton del Nickel al London Metal Exchange (figura 4). Pur nell’ambito del corridoio ascendente consolidatosi da fine marzo, un fisiologico ri-tracciamento (-0,7%) ne rallenta l’evoluzione diretta verso i livelli d’inizio anno. Le curve tecniche segnalano la continuazione della blanda fase correttiva.

Rallenta l’ascesa del minerale

Cliccare sull’immagine per vederla ingrandita

Livelli medi settimanali del rapporto di cambio Euro/dollaro USA (figura 5). Com’era nelle attese formulate la scorsa settimana, un nuovo veloce rialzo (+1,1%) estende a +6,4% il recupero dell’euro dai minimi di metà maggio. Il superamento dei massimi fissati nel mese di gennaio 2019, proietta il rapporto di cambio verso i top stabiliti nel settembre 2018. Poiché le curve evidenziano una situazione di potenziale ipercomprato non si escludono peraltro momentanei rallentamenti.

Rallenta l’ascesa del minerale

Cliccare sull’immagine per vederla ingrandita

Prezzi medi settimanali in US$/barrel del Petrolio (figura 6). Un ulteriore ritocco al rialzo (+1,2%) amplia a +102,2% il recupero dai minimi di aprile. Dopo i rapidi movimenti ascendenti di maggio e giugno, la curva evidenzia un rallentamento che potrebbe preludere alla costituzione di una fase di assestamento nell’ambito di un corridoio oscillatorio laterale in via di formazione.

Rallenta l’ascesa del minerale

Cliccare sull’immagine per vederla ingrandita

 

FONTE: SIDERWEB.COM