La Turkish Steel Producers Association (Tucd) ha aggiornato i dati relativi alla produzione ed alla commercializzazione dell’acciaio della Turchia. «Ad agosto – spiega Tucd – la produzione è aumentata del 22,9% su base annua a 3,2 milioni di tonnellate, mentre nel periodo gennaio-agosto è stata di 22,7 milioni di tonnellate, con un aumento dello 0,6% anno su anno».

Il consumo di acciaio finito della Turchia «ad agosto è aumentato del 27,5% a 2,9 milioni di tonnellate, mentre nei primi otto mesi dell’anno l’incremento è stato del 13% a 19 milioni di tonnellate rispetto al 2019».

Ad agosto, le esportazioni (le misure commerciali della Commissione europea continuano a limitarle) sono diminuite del 10,3% a 1,5 milioni di tonnellate, mentre il valore di queste esportazioni è aumentato del 14,9% a 1,02 miliardi di dollari, anno su anno. Le esportazioni nel periodo gennaio-agosto sono state di 13 milioni di tonnellate, in calo del 10,2%, mentre il loro valore è stato di 9,1 miliardi, in calo del 16% anno su anno.

Quanto alle importazioni, il dato di agosto parla di «un calo del 7,7% a 1,09 milioni di tonnellate, mentre il valore di queste importazioni è sceso del 12% a 765,5 milioni di dollari. Nei primi otto mesi dell’anno, invece, le importazioni sono aumentate dell’8,7% a 8,7 milioni di tonnellate, mentre il valore di queste importazioni è diminuito del 5,1% a 6,3 miliardi di dollari, entrambi anno su anno».

 

FONTE: SIDERWEB.COM