La domanda mondiale di acciaio, si legge nello Short Range Outlook per il 2021 e il 2022 della World Steel Association, «crescerà del 5,8% nel 2021 per raggiungere 1.874 milioni di tonnellate, dopo essere diminuita dello 0,2% nel 2020. Nel 2022 la domanda di acciaio vedrà un’ulteriore crescita del 2,7% per raggiungere i 1.924,6 milioni di tonnellate».

La domanda nell’Unione Europea dovrebbe raggiungere i 154,9 milioni di tonnellate, con un aumento del 10,2% (a fronte di un calo dell’11,4% del 2020) ed i 162.4 milioni nel 2022, con una crescita del 4,8%.

Commentando le prospettive, Al Remeithi, presidente del worldsteel Economics Committee, ha dichiarato che «nei prossimi anni, la domanda di acciaio si riprenderà con decisione, sia nelle economie sviluppate che in quelle in via di sviluppo, sostenuta dalla domanda repressa e dai programmi di ripresa dei governi. Tuttavia, per la maggior parte delle economie sviluppate, il ritorno ai livelli pre-pandemici della domanda di acciaio richiederà alcuni anni. Per il futuro, i cambiamenti strutturali in un mondo post-pandemia determineranno cambiamenti nella forma della domanda di acciaio. L’industria siderurgica vedrà interessanti opportunità dai rapidi sviluppi attraverso la digitalizzazione e l’automazione, le iniziative infrastrutturali, la riorganizzazione dei centri urbani e la trasformazione energetica. Allo stesso tempo, l’industria sta rispondendo alla necessità di produrre acciaio a basso tenore di carbonio».

Cina

La maggior parte dei settori che utilizzano l’acciaio, spiega la WSA, «mostrerà una crescita moderata e la domanda di acciaio della Cina dovrebbe crescere del 3% nel 2021. Nel 2022, la crescita della domanda di acciaio rallenterà all’1% quando l’effetto dello stimolo del 2020 si attenuerà e il governo si concentrerà su una crescita più sostenibile».

Economie avanzate

La domanda complessiva di acciaio negli Stati Uniti «è diminuita del 18% nel 2020. L’amministrazione Biden ha recentemente annunciato un’ampia proposta fiscale contenente disposizioni per sostanziali investimenti in infrastrutture per un periodo pluriennale. Il piano dovrebbe essere preso in considerazione dal Congresso nella seconda metà del 2021 e, a seconda della sua forma finale, potrebbe avere un potenziale di rialzo per la domanda di acciaio a lungo termine. Tuttavia la ripresa della domanda di acciaio sarà limitata a breve termine da un debole rimbalzo nei settori dell’edilizia non residenziale e dell’energia. Il settore automobilistico dovrebbe riprendersi fortemente».

Allo stesso modo, dice ancora la World Steel Association, «i settori che utilizzano l’acciaio dell’Ue hanno sofferto gravemente a causa delle prime misure di blocco nel 2020, ma hanno registrato un rimbalzo post-blocco più forte del previsto nelle attività manifatturiere per le misure governative di sostegno e della domanda repressa. La ripresa nel 2021 e 2022 dovrebbe essere sana, guidata dalla ripresa in tutti i settori che utilizzano l’acciaio, in particolare il settore automobilistico, e dalle iniziative di edilizia pubblica».

Anche l’economia del Giappone «ha subito un duro colpo dalla pandemia. Con un calo particolarmente pronunciato della produzione di auto, la domanda di acciaio è diminuita del 16,8% nel 2020. La ripresa della domanda di acciaio in Giappone sarà moderata, guidata da un rimbalzo nel settore automobilistico con esportazioni in ripresa e macchinari industriali per una ripresa mondiale degli investimenti».

In Corea del Sud la domanda di acciaio «si è contratta dell’8% nel 2020 a causa della contrazione nei settori automobilistico e navale. Nel 2021-22, questi due settori guideranno la ripresa, che sarà ulteriormente supportata dalla continua forza negli investimenti nelle infrastrutture e nei programmi infrastrutturali del governo. Tuttavia, la domanda di acciaio nel 2022 non dovrebbe tornare ai livelli pre-pandemici».

Economie in via di sviluppo

La domanda di acciaio è diminuita del 7,8% nel 2020. Tuttavia, all’interno delle economie emergenti, il quadro è stato vario. L’India, la MENA e la maggior parte dei paesi dell’America Latina hanno sofferto di più.

 

FONTE: SIDERWEB.COM