La divisione Green Hydrogen di thyssenkrupp Uhde Chlorine Engineers si è aggiudicata un contratto di ingegneria per l’installazione di un impianto di elettrolisi dell’acqua da 88 megawatt per la compagnia energetica canadese Hydro-Québec che entrerà in funzione entro la fine del 2023.

L’impianto di elettrolisi dell’acqua, spiega thyssenkrupp, «sarà costruito a Varennes, nel Quebec, e produrrà 11.100 tonnellate di idrogeno verde all’anno. Sia l’idrogeno che l’ossigeno, un sottoprodotto del processo di elettrolisi, saranno utilizzati in un impianto per produrre biocarburanti da rifiuti residui per il settore dei trasporti».

«Questo progetto è un eccellente esempio di quanto sia importante l’interazione tra un accesso sicuro a un’energia rinnovabile competitiva e l’uso di una tecnologia in scala per la produzione di idrogeno», spiega Sami Pelkonen, CEO della Business Unit Chemical & Process Technologies di thyssenkrupp; mentre Denis Krude, CEO di thyssenkrupp Uhde Chlorine Engineers, aggiunge: «Il Quebec come regione e Hydro-Québec come cliente offrono le condizioni ideali per installare per la prima volta la nostra tecnologia di elettrolisi dell’acqua su scala multi-megawatt».

L’elettrolisi dell’acqua, spiega thyssenkrupp, «è la tecnologia chiave per la decarbonizzazione del settore industriale in quanto, ad oggi, è l’unica tecnologia in scala per la produzione di idrogeno verde. Le materie prime verdi diventano economicamente redditizie solo se prodotte e utilizzate su scala industriale, poiché questo è l’unico modo in cui gli effetti di scala possono essere riflessi in una migliore struttura dei costi. La tecnologia di elettrolisi dell’acqua di thyssenkrupp offre i moduli standard più grandi al mondo, che possono essere facilmente combinati per ottenere capacità nella gamma multi-megawatt e gigawatt».

 

SIDERWEB.COM