Brusca frenata del rottame tedesco nel quinto mese dell’anno. La rilevazione mensile dell’associazione dei commercianti tedeschi BDSV ha mostrato sensibili contrazioni delle quotazioni, comprese tra il -2,6% e il -4,7% nel confronto con aprile.

I ribassi si sono tradotti in cali rispetto al mese precedente compresi tra i -6,1 euro (torniture) e i -12,2 euro la tonnellata (cesoiato).

L’andamento delle quotazioni della materia prima a livello regionale mostra come la discesa sia più ripida nel Nord-Est (Schleswig-Holstein, Macleburgo-Pomerania Anteriore, Amburgo, Brema, Bassa Sassonia, Berlino, Brandeburgo, Sassonia, Sassonia-Anhalt, Turingia) con un calo medio di -9,24 euro la tonnellata. Seguita dall’Ovest (Nordrhein-Westfalen, Hessen e Rheinland-Pflaz), con -9 euro la tonnellata, e dal Sud (Baden-Württemberg, Baviera, Saarland) con -8,86 euro la tonnellata.

 

Fonte: siderweb.com

Leave a Reply