Dopo i maxi arrivi di maggio e giugno lo scalo veneto di Porto Marghera vede frenare gli sbarchi di prodotti siderurgici a luglio. Rispetto a luglio 2015 si registra infatti un -30% dovuto anche alla netta frenata delle materie prime con la totale assenza dalle banchine sia di rottame che di preridotto, oltre ad una ghisa vicina al minimo dell’anno.

In totale, a luglio, sono sbarcate 193.579 tonnellate di materiale, poco più di 83 mila tonnellate in meno rispetto al medesimo mese del 2015.
Nel confronto annuo, nonostante il +64,9% delle bramme e addirittura il +1.009,4% delle lamiere, i cali di ghisa, coils e preridotto rispettivamente del 55,8%, 47,6% e 100% hanno spinto i volumi in territorio negativo.

 

 

Fonte: siderweb.com