Si interrompe la crescita del prezzo del rottame in Germania. Dopo tre mesi consecutivi di aumenti, a febbraio le quotazioni arretrano. Lo certificano le rilevazioni effettuate dall’associazione dei commercianti tedeschi BDSV, secondo i quali i prezzi hanno perso circa 33 euro la tonnellata in media rispetto al mese precedente, con un minimo di -29 euro la tonnellata per il lamierino ed un massimo di -36,1 euro la tonnellata del proler. Rispetto al mese di febbraio 2020, le quotazioni odierne sono più elevate di circa una novantina di euro la tonnellata.

Entrando nel dettaglio, l’andamento regionale delle quotazioni del rottame tedesco vede la maggior diminuzione mensile delle quotazioni nel nord-est (Schleswig-Holstein, Macleburgo-Pomerania Anteriore, Amburgo, Brema, Bassa Sassonia, Berlino, Brandeburgo, Sassonia, Sassonia-Anhalt, Turingia), con un decremento di 35,0 euro la tonnellata, seguito dal sud (Baden-Württemberg, Baviera, Saarland), con -31,2 euro la tonnellata e dall’ovest (Nord Reno-Vestfalia, Assia, Renania-Palatinato), con -27,4 euro la tonnellata.

220221

 

FONTE: SIDERWEB.COM