È cresciuto l’avanzo commerciale nel 2016 dell’azienda Italia: nel corso dell’ultimo anno ha raggiunto i 51,6 miliardi di euro, in netto miglioramento rispetto ai 41,8 miliardi del 2015.

 

Stando all’ultimo report Istat sul commercio con l’estero, nel 2016 le esportazioni sono cresciute dell’1,1% in valore e dell’1,2% in volume, mentre le importazioni hanno fatto registrare una contrazione dell’1,4% in valore ed un aumento del 3,1% in volume. La crescita dell’export è del tutto da attribuire, sottolinea l’Istat, ai paesi dell’area Ue (+3%).

Solo nel mese di dicembre 2016, l’export ha fatto registrare un aumento del 2,3% e l’import del 2,5% rispetto ad ottobre. L’avanzo commerciale è salito a 5,8 miliardi di euro dai 5,6 di dicembre 2015. La crescita rimane anche se si confronta lo scorso dicembre con lo stesso mese dell’anno precedente (+5,7% per l’export; +6,1% per l’import).

Per quel che riguarda i prezzi all’importazione dei prodotti industriali, a dicembre 2016 l’Istat ha registrato una crescita dello 0,5% rispetto al mese precedente e dell’1,6% rispetto allo stesso mese del 2015. In particolare, il tasso di crescita dei prezzi è stato più elevato nell’Area euro nella fabbricazione di mezzi di trasporto (+2,8%) e nella metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+0,2%). Nell’Area non euro, si è registrata una crescita del 4,7% nel settore della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati.

 

 

 

 

Fonte: siderweb.com