Pubblicati gli Extra di lega di Cogne Acciai Speciali per il mese di Maggio 2019

I produttori siderurgici europei hanno chiesto e ottenuto il rinnovo del dazio antidumping sui piani a rivestimento organico provenienti dalla Cina.

Ad aprile «i risultati delle indagini sulla fiducia delle imprese confermano la debolezza dell’attuale fase ciclica, pur lasciando intravedere qualche segnale positivo nei servizi e nelle costruzioni, dove migliorano le aspettative sugli ordini e la domanda».

La Cina ha deciso di premere sull’acceleratore per il consolidamento della propria industria siderurgica.

Tinte chiare e scure per l’aggiornamento Istat a febbraio 2019 di fatturato e ordinativi dell'industria. Le stime diffuse oggi dall’Istituto nazionale di statistica indicano una crescita congiunturale del fatturato dello 0,3%. Un trend positivo che si rafforza in termini tendenziali con un +1,3%.

In crescita. Ma con un ritmo inferiore rispetto al 2018. Queste le prospettive del consumo di acciaio a livello globale secondo la World Steel Association: nell’ultimo Short Range Outlook, infatti, è previsto un aumento della domanda apparente di prodotti siderurgici dell’1,3% nel 2019 e dell’1,0% nel 2020, contro il +2,1% del 2018.

I numeri del 2018
L’anno scorso il consumo mondiale di acciaio è stato pari a 1,712 miliardi di tonnellate, con un incremento, appunto, del 2,1% rispetto al 2017. Questo dato “depurato”, ovvero che tiene conto della chiusura dei forni ad induzione in Cina, è figlio di un aumento del consumo dell’Asia e dell’Oceania del 6,6% (1,175 miliardi di tonnellate), del 5,6% dell’Africa (37,0 milioni di tonnellate), del 4,3% dell’Ue (169,7 milioni di tonnellate) dove l'Italia ha performato sopra la media con un +5,2% (26,4 milioni di tonnellate), del 3,5% della CSI (56,2 milioni di tonnellate), del 2,8% dell’America centro-meridionale (43,3 milioni di tonnellate) e dell’1,5% del NAFTA (142,9 milioni di tonnellate), mentre Medio Oriente e Paesi europei non facenti parte dell’Ue sono scesi rispettivamente del 3,5% e del 9,5%.

Prospettive per il 2019 e 2020
Le attese per l’anno in corso ed il prossimo, invece, sono per un rallentamento della crescita. «Quest’anno e nel 2020 – ha dichiarato Al Remeithi, presidente del worldsteel Economics Committee – la richiesta mondiale di acciaio continuerà a salire, ma con tassi più moderati a causa di un minor dinamismo dell’economia globale. Le incertezze legate alla volatilità nei mercati finanziari ed al commercio estero potranno però rappresentare un elemento di rischio». Tradotto in numeri, ciò significa che il 2019 si concluderà con un consumo di 1,735 miliardi di tonnellate di acciaio (+1,3% rispetto all’anno precedente) ed il 2020 a 1,752 miliardi di tonnellate (+1,0%).
Per ciò che concerne i Paesi con economie avanzate, «la domanda di acciaio è salita dell’1,8% nel 2018 – scrive World Steel Association -, dopo un 2017 a +3,1%. Nel 2019 ci attendiamo che si scenda al +0,3% ed al +0,7% nel 2020, riflettendo un deterioramento soprattutto nel commercio estero». Entrando nel dettaglio «lo sviluppo della richiesta negli USA frenerà a causa della riduzione degli effetti degli stimoli fiscali e della normalizzazione della politica monetaria», mentre nell’Ue «le economie dovranno far fronte alla riduzione dei commerci esteri ed alle incertezze legate alla Brexit. Ci aspettiamo una domanda ancora più debole in Europa (+0,3% rispetto al 2018), soprattutto nelle economie più dipendenti dall’export. Grazie alla riduzione delle tensioni commerciali, nel 2020 il tasso di crescita sarà dell’1,2%». In Giappone e Corea del Sud, invece, è attesa una moderata contrazione del consumo.

Cina: segno «più» nel 2019
Nei Paesi in via di sviluppo (Cina esclusa) la domanda salirà del 2,9% nel 2019, mentre in Cina il tasso di sviluppo sarà dell’1,0%. Nel Paese asiatico l’aumento degli stimoli all’economia da parte di Pechino dovrebbe rafforzare la domanda quest’anno, ma l’effetto non durerà nel 2020: -1,0%.
Nelle economie in via di sviluppo (Cina esclusa), invece, il 2020 si presenta molto positivo: +4,6%, grazie soprattutto al contributo dell’India (+7,1% nel 2019 e +7,2% nel 2020), dei Paesi del centro e sud America (+7,5% nel 2020) e della Turchia, che dopo il crollo del 2018 (-14,9%) e del 2019 (-4,9%), nel 2020 tornerà a correre (+8,0%).

Italia: crescita nella media anche nel 2020
Performance nella media anche per l'Italia nei prossimi anni. Il nostro Paese resta al nono posto tra i maggiori utilizzatori mondiali e vedrà i consumi assestarsi su un +1% per il 2019, con 26,7 milioni di tonnellate; per poi salire ad un +1,2% nel 2020 con una richiesta che dovrebbe arrivare attorno ai 27 milioni di tonnellate annui.

 

 

Fonte: siderweb.com

Dopo la netta flessione vista nel primo mese del 2019, recupera a febbraio la produzione industriale italiana stando all’Istat.

Il 2018, per la Germania, si è chiuso con una produzione di acciaio in calo del 2% (a circa 42,4 milioni di tonnellate). «Le consegne sono diminuite del 5% e la fornitura di laminati del 4%» si legge nell’ultimo dossier sullo stato dei settori industriali del Bdi (Bundesverband der Deutschen Industrie), l’associazione degli industriali tedeschi. A contribuire a questo rallentamento sarebbero stati «il nuovo regolamento nell’industria dell’auto» e «l’acqua bassa sul Reno».

E, per il 2019, non si prevede una sensibile ripresa dell’industria siderurgica: nel primo trimestre «il mercato dell’acciaio è rimasto debole». Secondo l’ultima indagine dell’Ifo (Institut für Wirtschaftsforschung, istituto di ricerca economica), a marzo le imprese siderurgiche tedesche hanno valutato in modo negativo la propria situazione economica per la prima volta in un anno e mezzo. Nonostante questo scetticismo sulle aspettative per i prossimi sei mesi, e nonostante gli ordini di laminati sarebbero in calo dall’inizio dell’anno secondo i dati dell'Ufficio federale di statistica tedesco, l'Ifo si attende una situazione di stabilità.

Con lo sfondo del protezionismo globale e dell’indebolimento congiunturale dell’intera industria siderurgica mondiale, secondo la Bdi «è fondamentale che, a luglio, nonostante la fragile situazione economica, si adottino misure per alleggerire i contingenti tariffari (della Salvaguardia, ndr), limitando in tal modo la rigidità delle misure».

 

 

Fonte: siderweb.com 

Quattro settimane. Questa la scadenza entro cui potrebbe essere raggiunto l’accordo commerciale tra Cina e Stati Uniti.

Crescono le tonnellate ma rallenta la spinta di crescita. Questa, in estrema sintesi, l’aspettativa sulla domanda di acciaio 2019 della World Steel Association. In occasione dello Steel Committee dell'OCSE tenutosi la scorsa settimana a Parigi, Nae Hee Han, responsabile degli studi statistici dell’associazione dei produttori mondiali, ha anticipato le attese sull’ andamento della domanda che saranno inserite nell’ edizione di aprile 2019 dello Short Range Outlook.

Euro Sider Scalo S.p.A.
Via degli Emigranti, 9
25040 Cividate Camuno (Bs) Italia
Tel +39 0364 340206 - Fax +39 0364 340209

Sede legale e amministrativa Via degli Emigranti, n° 9 25040 Cividate Camuno, BRESCIA Cap. Soc. € 2.000.000 i.v. Reg. Imprese Brescia n. 35883 R.E.A di Brescia n.302331 C.F.02887820179 - P.IVA 00701510984

© 2017 Euro Sider Scalo. All Rights Reserved. Designed By Digima