A maggio, dopo otto mesi consecutivi di calo, il mercato europeo dell’auto recupera e replica fedelmente i volumi fatti registrare nello stesso mese del 2018. A dirlo sono i dati ANFIA, secondo i quali i cinque maggiori mercati, che rappresentano il 71,6% del totale immatricolato, chiudono il mese di maggio a +0,9%, con vendite di vetture diesel in calo del 9,6% (-15% nel cumulato).

Anche la distribuzione siderurgica rappresentata da Assofermet è preoccupata dalle nuove tensioni tra Governo ed ArcelorMittal relative al testo in approvazione del Decreto Crescita.

«Stagnazione». Così Federmeccanica definisce l’attuale congiuntura dell’industria metalmeccanica italiana. Il quadro emerge dalla 150° indagine che Federmeccanica conduce presso un campione di imprese associate, aziende che «confermano la fase di stagnazione che sta interessando il settore dall’inizio del 2018 e non lasciano intravvedere, per il secondo trimestre – si legge nella nota - variazioni di rilievo».

L’aggiornamento per il mese di aprile dell’indagine su fatturato e ordinativi dell'industria dell’Istat rimarca una volta di più la difficoltà della congiuntura. Le stime diffuse oggi dall’Istituto nazionale di statistica indicano un calo congiunturale del fatturato pari l’1%, che limita i danni a livello tendenziale ad un -0,7%. Male anche gli ordinativi, in calo del 2,4% rispetto a marzo 2019 e dello 0,2% nel confronto con aprile 2018.

Nei primi tre mesi del 2019 cresce il commercio estero italiano di acciaio. Secondo i dati Istat elaborati dall’Ufficio Studi di siderweb, infatti, nel primo trimestre sono salite sia le importazioni sia le esportazioni, entrambe con tassi di sviluppo compresi tra il 3% ed il 4%. Il deficit commerciale italiano, a seguito di questi sviluppi, si è ampliato, passando da 3,176 milioni di tonnellate dell’anno scorso a 3,335 milioni di tonnellate.

Anche il quarto mese dell’anno ha registrato il segno negativo per gli indici sulla produzione industriale italiana. L’aggiornamento odierno dell’Istat evidenzia come rispetto a marzo 2019 la produttività delle imprese italiane ad aprile è scesa dello 0,7%. Più brusca la frenata tendenziale con il 2018, pari ad un -1,5%.

Oltre i 440 milioni di tonnellate. Ma in calo. Questo, in estrema sintesi, l’andamento del commercio internazionale di prodotti finiti in acciaio nel 2018. Secondo quanto reso noto dalla World Steel Association nell’annuale report «World Steel in figures», infatti, l’anno scorso le esportazioni globali di acciaio sono state pari a 442,7 milioni di tonnellate, il quinto valore più alto della storia, ma in riduzione rispetto al 2017.

Pubblicati gli Extra di lega di Cogne Acciai Speciali per il mese di Giugno 2019

Pubblicati gli Extra di lega di Acciaierie Bertoli Safau per il mese di Giugno 2019

Nella settimana che si è conclusa il 1 giugno 2019, la produzione di acciaio grezzo, negli Stati Uniti, è stata di 1.890.000 tonnellate nette, mentre il tasso di utilizzo si è attestato all'81,2%. Nello stesso periodo del 2018 - spiega l'American Iron and Steel Institute - la produzione era stata di 1.809.000 tonnellate, mentre il tasso di l'utilizzo era stato del 77,2%.

Euro Sider Scalo S.p.A.
Via degli Emigranti, 9
25040 Cividate Camuno (Bs) Italia
Tel +39 0364 340206 - Fax +39 0364 340209

Sede legale e amministrativa Via degli Emigranti, n° 9 25040 Cividate Camuno, BRESCIA Cap. Soc. € 2.000.000 i.v. Reg. Imprese Brescia n. 35883 R.E.A di Brescia n.302331 C.F.02887820179 - P.IVA 00701510984

© 2017 Euro Sider Scalo. All Rights Reserved. Designed By Digima