Pubblicati gli Extra di lega di Acciaierie Bertoli Safau per il mese di Gennaio 2019

Pubblicati gli Extra di lega di Cogne Acciai Speciali per il mese di Gennaio 2019

Le acciaierie italiane hanno sfornato acciaio a singhiozzo negli ultimi tre mesi. La produzione nazionale, dopo il calo di settembre e la ripresa di ottobre, a novembre è tornata far registrare una flessione tendenziale, segno che la dinamica di incertezza che sta alimentando il mercato ha avuto ripercussioni anche dal punto di vista produttivo.

Netta flessione per l’output cinese a novembre. I dati comunicati dal National Bureau of Statistics e diffusi dall’agenzia Reuters evidenziano come la produzione siderurgica cinese nell’undicesimo mese del 2018 si sia assestata a 77,62 milioni di tonnellate. Il dato rappresenta una flessione del 6,3% rispetto agli 82,55 milioni di tonnellate di ottobre, ma al contempo evidenzia un netto miglioramento rispetto all’anno precedente.

Nonostante i rinnovo dei tagli emissivi, l’output è di quasi il 15% superiore rispetto a novembre 2017, quando la bilancia si fermò a quota 66,15 milioni di tonnellate. Anche la media produttiva quotidiana si è indebolita, portandosi a 2,59 milioni di tonnellate al giorno, il valore più basso da aprile a questa parte.

Al momento non è però chiaro se, ed eventualmente quanto, questa frenata produttiva penalizzerà i produttori cinesi.

 

 

Fonte: siderweb.com 

Un finale d’anno caratterizzato da elementi di chiaroscuro. Questo lo scenario dell’andamento di metalli e materie prime emerso al termine della 27^ edizione dell’osservatorio congiunturale di Aib, Scenari e tendenze.

Buone notizie per la produzione industriale italiana. Secondo i dati resi noti dall’Istat, infatti, il dato di ottobre mostra un incremento dello 0,1% rispetto al livello di settembre e dell’1,0% rispetto ad ottobre 2017.


Il prodotto interno lordo italiano ha frenato. Nel terzo trimestre, infatti, l’Istat ha reso noto che il PIL «corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è diminuito dello 0,1% rispetto al trimestre precedente ed è aumentato dello 0,7% nei confronti del terzo trimestre del 2017». Ne consegue che «la variazione acquisita per il 2018 è pari a +0,9%». Ma qual è l’impatto per il comparto dell’acciaio che si può stimare? Ci sono notizie almeno parzialmente positive per la siderurgia?

Lunedì, 10 Dicembre 2018 06:00

Cina: la scarsa domanda rallenta i prezzi

Incertezza nel commercio internazionale e raffreddamento della domanda condizionano le quotazioni dell’acciaio anche i Cina. I prezzi quotati allo Shanghai Steel Index hanno subito nella sessione di oggi una flessione superiore all’1%, che ha annullato il recupero del 2,5% visto nei giorni scorsi. Un calo dovuto secondo gli analisti citati dall’agenzia Reuters dalla flessione della richiesta, che ha reso l’offerta sovrabbondante sul mercato interno cinese.

Rallenta ancora l’attività dei centri servizi piani europei. A ottobre, secondo quanto reso noto da Eurometal, le vendite sono scese del 2,0% rispetto al medesimo mese del 2017, portando il totale dei primi 10 mesi del 2018 a -2,4%.

Pubblicati gli Extra di lega di Acciaierie Bertoli Safau per il mese di Dicembre 2018

Euro Sider Scalo S.p.A.
Via degli Emigranti, 9
25040 Cividate Camuno (Bs) Italia
Tel +39 0364 340206 - Fax +39 0364 340209

Sede legale e amministrativa Via degli Emigranti, n° 9 25040 Cividate Camuno, BRESCIA Cap. Soc. € 2.000.000 i.v. Reg. Imprese Brescia n. 35883 R.E.A di Brescia n.302331 C.F.02887820179 - P.IVA 00701510984

© 2017 Euro Sider Scalo. All Rights Reserved. Designed By Digima