Mercoledì, 08 Giugno 2016 00:00

Baosteel non ci sta e rigetta le accuse - Il colosso cinese ha dichiarato di voler difendere i propri diritti dalla denuncia USA

Difesa dei propri diritti e del proprio corretto comportamento, al centro della denuncia della United States Steel Corporation. Secondo quanto riferito da «China Daily», il gigante cinese Baosteel ha dichiarato l’intenzione di tutelarsi dall’azione innescata dalla US Steel Corp lo scorso 26 aprile.

Nella denuncia si afferma che 40 produttori di Pechino – tra i quali Baoshan, di proprietà di Baosteel – avrebbero esportato negli Stati Uniti in violazione della legge 337 del Tariff Act, incentrata sulle attività di dumping. L’accusa vedrebbe anche l’esistenza di un complotto da parte delle imprese siderurgiche cinesi per controllare i prezzi e l’appropriazione indebita di segreti commerciali.
Baosteel, secondo il quotidiano cinese, ha respinto tutte le accuse, affermando che le proprie azioni sono state interamente in rispetto delle regole del mercato e, pertanto, legali. Secondo Zhang Xiaoli, analista interpellato da «China Daily», le quotazioni inferiori dell’acciaio cinese sono frutto della maggiore capacità di produzione degli impianti nazionali e del minor costo del lavoro.




Fonte: siderweb.com

icon80x80

 

appstore

googleplay

windows-badge

Calendario News

« Giugno 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Navigando sul nostro sito, accetti che possiamo utilizzare questi tipi di cookies. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.