Venerdì, 08 Febbraio 2013 00:00

Svizzera - Il «caro» franco impatta sull’acciaio elvetico

Un calo produttivo del 20% fino a 69.400 tonnellate. Un vero e proprio tonfo per l’acciaio elvetico, giustificato soprattutto da un rafforzamento del franco svizzero sulle principali monete internazionali.

Giustificazione evidenziata da Markus Schmidhauser, presidente della Gfs (Associazione delle  fonderie svizzere). Un calo produttivo che non ha risparmiato i bilanci di 52 imprese associate, che nel corso dell’anno hanno dovuto rinunciare anche a 3 mila dipendenti. Ad essere più colpite sono state le imprese attive nel settore dell’industria meccanica e per i veicoli commerciali e le navi.

I problemi, anche per la Svizzera, sono i medesimi che negli altri paesi del vecchio continente, vale a dire overcapacity e delocalizzazione verso paesi a basso costo di manodopera. Per il 2013 l’associazione prevede un’ulteriore contrazione degli ordinativi attorno al 5%.

 

 

Fonte: Siderweb.com

Ultima modifica il Mercoledì, 27 Marzo 2013 13:22

icon80x80

 

appstore

googleplay

windows-badge

Calendario News

« Aprile 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Navigando sul nostro sito, accetti che possiamo utilizzare questi tipi di cookies. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.