Lunedì, 07 Gennaio 2013 00:00

Lucchini - Il commissario Nardi già al timone dell’azienda

Non c’è tempo da perdere. Lo sa bene il commissario ministeriale Piero Nardi, che già ieri era presente in Lucchini per raccogliere nel più breve tempo possibile il maggior numero di elementi sullo stato dell’azienda. Il commissario nominato lo scorso 21 dicembre dal ministro dello sviluppo economico Corrado Passera,

non ha nemmeno aspettato lo scadere dei 15 giorni necessari per la ratifica della nomina dopo l’accertamento del possesso da parte del gruppo dei requisiti necessari per accedere alla legge Marzano ( imprese con un organico di almeno 500 dipendenti e con un debito di almeno 300 milioni), quasi scontata, da parte del tribunale pur di stringere i tempi di analisi della situazione. Tempi che a breve prevedono anche un incontro con le parti sociali come auspicato dai rappresentati sindacali.

Una volta insediato il commissario in coordinamento con il ministero avrà sei mesi di tempo per elaborare un piano di ristrutturazione da sottoporre all’approvazione del Tribunale. Al fianco di Nardi si insedierà un organismo di controllo composto da due rappresentanti delle banche creditrici e da due membri indipendenti per l’avvallo delle decisioni. L’obiettivo resta la ricerca di un compratore in grado di attuare il nuovo piano di rilancio che verrà realizzato dal commissario; non è però da escludere la vendita separata degli asset gruppo, ne l’avvio della procedura di concordato preventivo nel caso il risanamento non risulti possibile.

 

 

Fonte: Siderweb.com

Ultima modifica il Mercoledì, 27 Marzo 2013 13:27

icon80x80

 

appstore

googleplay

windows-badge

Calendario News

« Luglio 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Navigando sul nostro sito, accetti che possiamo utilizzare questi tipi di cookies. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.