Martedì, 19 Febbraio 2008 00:00

Produzione industriale nella UE

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Mondo

Forte rialzo dei tassi di mercato negli Usa con lo spread 2-10 anni salito a 171pb da 166. In gennaio l'istituto Ism ha diffuso anche l'indice Composite, che si è attestato sotto la soglia dei 50 punti, a 44,6. In netto calo anche il sottoindice sull'occupazione, sceso a 43,9 punti da 51,8, e quello sui nuovi ordini, a 43,5 da 53,9, mentre quello sui prezzi (in lieve ribasso a 70,7 da 71,5) evidenzia il persistere di pressioni inflazionistiche nel settore non manifatturiero. È la prima volta che l'attività dei servizi scivola in area di contrazione economica dal 2003. Sono stati inoltre pubblicati i dati degli ordinativi alle fabbriche che, con una crescita del 2,3% a dicembre, hanno riportato il rialzo più sostenuto dallo scorso luglio.

Nel quarto trimestre 2007 la produttività degli Stati Uniti ha registrato un aumento dell’1,8% (dato preliminare), nettamente inferiore al dato del trimestre precedente, che fece registrare un aumento del 6%. Lo ha reso noto il Dipartimento del Lavoro Usa. L'indicatore si è rivelato comunque superiore alle previsioni del mercato, pari ad un aumento dello 0,5%. Il costo unitario del lavoro, un indicatore chiave sulle pressioni inflazionistiche, è cresciuto del 2,1%, attestandosi a livelli migliori delle attese (+3,5%). In Giappone è stato diffuso l’indice leading indicator relativo a dicembre salito, come da aspettative degli analisti, a 40 punti dai 18,2 di novembre, risentendo del ribasso delle scorte industriali, di un maggior livello di beni durevoli e di avvio di nuove case. Lo ha reso noto l'Ufficio del Gabinetto che in settimana ha pubblicato anche i dati sugli ordinativi di nuovi macchinari nel settore privato, scesi oltre le attese. Il dato core ha fatto segnare una flessione del 3,2% a 1.020 miliardi di yen. A scendere di più sono stati gli ordini nei settori ceramiche, chimico e prodotti di metallo. Gli ordini di macchinari, secondo il dato complessivo, sono scesi del 3,3%. 

Europa

Tassi di interesse fermi al 4%. La Banca centrale europea non cede alle lusinghe di un taglio dei tassi per fronteggiare il rischio di ribasso della crescita: il costo del denaro rimane quindi fermo. Una scelta in controtendenza rispetto a quella effettuata dalla Fed e dalla Banca Centrale Inglese, che ha effettuato un taglio di 25 punti base portando i tassi al 5,25%.

Nell'Unione Europea aumentano dello 0,2% i prezzi della produzione industriale. Le stime di dicembre 2007, pubblicate martedì dall'Eurostat, hanno registrato un aumento dello 0,1% nella zona euro e dello 0,2% nell'Ue a 27, rispetto a novembre 2007. In confronto ai dati di dicembre 2006 l'aumento è del 2,8% nella zona euro e del 2,7% nell'UE27. Gli aumenti più consistenti sono stati registrati in Romania (1,6%), in Irlanda (1%) e in Belgio (0,9%), mentre in Bulgaria e Finlandia c'è stata una diminuzione rispettivamente dell'1,1% e dello 0,5%. Ma rispetto a dicembre 2006 tutti i prezzi dell'industria sono aumentati del 3,1% nella zona euro e del 3,3% nell'UE27, ad esclusione dell'energia che è aumentata dell'8,3% e dell’8,1%. Gli aumenti dei prezzi più alti si sono avuti in Lituania (15,6%), in Bulgaria (11,3%) e in Danimarca (11%), mentre i più bassi in Finlandia (1,7%) e in Germania (2,5%).

In Germania gli ordinativi industriali hanno segnato a dicembre un calo dell'1,7%, la contrazione più forte da cinque mesi. Con il rallentamento delle esportazioni, l'indice ha evidenziato, su base annua, una decisa frenata registrando un incremento del 5,6% dal +13,1% precedente.

In Francia deficit in calo. La bilancia commerciale francese ha registrato a dicembre un rosso di 4,279 miliardi di euro, in calo dai 4,62 miliardi di novembre. Le esportazioni, si legge nel comunicato dell'Insee, si sono attestate, sempre a dicembre, a 33,13 miliardi (33,23 miliardi a novembre) e le importazioni a 37,4 miliardi (37,8 miliardi a novembre). Nell'intero 2007 il deficit commerciale è salito a 39,17 miliardi di euro, nuovo record storico, dai 28,24 miliardi del 2006.

Italia

Continuano a peggiorare le prospettive di crescita economica dell’Italia. Il Superindice sull’attività economica elaborato dall’Ocse segnala per il nostro Paese un calo di 1,2 punti sul mese di dicembre, a quota 95,3 il più marcato tra i paesi dell’Ocse. La flessione risulta di 3,4 punti rispetto a un anno prima. In media l’indicatore mostra un calo di 0,3 punti dal mese precedente e di 1,9 punti su base annua. 

L'indice Pmi del settore servizi, nel mese di gennaio, ha registrato un calo a 47,9 punti, contro i 49,7 di dicembre, segnalando un ulteriore rallentamento dell'attività economica del terziario. Un indice inferiore a 50 presuppone una contrazione mentre se superiore a 50 indica un'espansione. Il dato risulta così al di sotto delle attese.


*********************************
Rispettando la legge sul diritto d'autore, siamo stati espressamente autorizzati da Siderweb S.p.A. alla pubblicazione di parte dei contenuti del sito www.siderweb.com.
Letto 5184 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Marzo 2013 11:21
ESS

icon80x80

 

appstore

googleplay

windows-badge

Calendario News

« Settembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Navigando sul nostro sito, accetti che possiamo utilizzare questi tipi di cookies. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.