Venerdì, 16 Febbraio 2007 00:00

Jeremy Rifkin:Terza Rivoluzione Industriale

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Soltanto una «terza rivoluzione industriale», capace di unire la produzione di energia «pulita» e informatica, potrà salvare l'umanità da immani catastrofi «naturali» nel prossimo futuro. Questo è quanto ha dichiarato Jeremy Rifkin  {mosimage} , premio Nobel per l’Economia e autore del bestseller "Il Sogno Europeo", durante un’intervista a Repubblica TV.
Il Protocollo di Kyoto, firmato nel 1997, doveva ridurre le emissioni dei gas serra. Ma oggi la salute della Terra è sempre più a rischio. «Dobbiamo far fronte alla possibilità di estinzione del pianeta – ha annunciato l’economista americano -. Occorre quindi concentrarsi sulla missione di transizione verso una nuova era».
Rifkin individua 5 pilastri che rappresentano il primo passo da fare per passare ad un’economia “povera” di carbone.
«Creare il 20% di efficienza energetica per dar vita a prassi migliori nelle famiglie e nelle aziende – spiega l’economista -. In secondo luogo, è necessario ridurre senza compromessi le emissioni di CO2.  Terzo, occorre creare il 25/30% di energie rinnovabili entro il 2020. Quarto, dare origine ad infrastrutture dell’idrogeno entro il 2025. Infine, - conclude Rifkin - creare reti energetiche rinnovabili entro il 2025».
Questo è ciò che Rifkin chiama la terza rivoluzione industriale e che rappresenta l’obiettivo minimo da raggiungere.
Secondo l’economista, sono i leader dei vari paesi industrializzati a doversi responsabilizzare a nome della razza umana. «Bisogna che le personalità di spicco delle diverse potenze mondiali guidino il dibattito – ha dichiarato – per poter passare ad un nuovo futuro».
Jeremy Rifkin si sofferma inoltre sul grande potenziale italiano di mezzi agricoli e forestali che potrebbe essere sfruttato come fonte d’energia. «In Italia, l’agricoltura potrebbe creare fino al 20/30% d’energia necessaria per il trasporto».
L’economista conclude soffermandosi sul tipo di rifiuti agricoli che possono essere utilizzati nell’“agricoltura combustibile”. «Alcune colture sono meglio di altre per creare biomasse: infatti la barbabietola da zucchero e la canna da zucchero possono essere utilizzate al contrario del mais e dell’olio di palma».

Jeremy Rifkin sarà presente a Made in Steel durante l’incontro dal titolo «Etica, energia ed ambiente: la responsabilità sociale dell'impresa». L’appuntamento è fissato per il pomeriggio del prossimo 22 marzo.


*********************************
Rispettando la legge sul diritto d'autore, siamo stati espressamente autorizzati da Siderweb S.p.A. alla pubblicazione di parte dei contenuti del sito www.siderweb.com.
Letto 5148 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Marzo 2013 11:21
ESS

icon80x80

 

appstore

googleplay

windows-badge

Calendario News

« Marzo 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Navigando sul nostro sito, accetti che possiamo utilizzare questi tipi di cookies. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.