Mercoledì, 22 Febbraio 2006 00:00

Frena l

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Mondo

Cala dello 0,2% mensile la produzione industriale americana a gennaio. Lo ha reso noto la Federal Riserve. All’80,9% l’utilizzo della capacità produttiva. La produzione manifatturiera, invece, è aumentata dello 0,7% con il comparto auto e componentistica in miglioramento del 2,3%.
In Giappone il Pil ha fatto registrare una crescita reale dell'1,4% nel trimestre ottobre-dicembre con un tasso annualizzato del 5,5%. Lo rende noto l'Ufficio di gabinetto. Il dato supera le stime del mercato che prevedeva un +1,2% trimestrale e un +5% annuo. Nel precedente trimestre il Pil era incrementato dello 0,9% trimestrale e dell'1,4% annuo.
Sempre nel Paese del Sol Levante, la produzione industriale sale dell’1,3% a dicembre. Su base annuale il dato ha segnato un +3,7%. Sempre nel mese di dicembre gli ordini sono progrediti dell'1,1% mensile e del 4,4% annuo.

Europa

Eurostat ha comunicato che il Pil del quarto trimestre della Zona Euro è aumentato dello 0,3% su base trimestrale (+0,6% nel terzo trimestre) e dell'1,7% su base annuale. Nell’intera Ue il dato ha segnato un progresso dello 0,4% trimestrale e dell'1,8% annuale. Nel 2005 il Pil ha fatto registrare un +1,3% nella Zona Euro (+2,1% nel 2004) ed un +1,6% nell’intera Ue (+2,4% nel 2004).
Fermo, invece, il Pil tedesco. Nel quarto trimestre del 2005, infatti, il prodotto interno lordo della Germania è risultato invariato rispetto al trimestre precedente e in rialzo dell'1% annuale. Lo rende noto l'ufficio federale di statistica.
In diminuzione anche la fiducia di analisti ed investitori tedeschi. L’indice Zew, che misura questo dato, a febbraio é sceso a 69,8 punti, dai 71 di gennaio. Il risultato è peggiore delle stime degli analisti.

Italia

Frena l’industria in Italia nel 2005. L'Istat ha infatti reso noto che nel mese di dicembre 2005 l'indice della produzione industriale (base 2000=100) è risultato pari a 90,0 con una diminuzione del 2,5% rispetto a dicembre 2004. Nella media dell'intero anno 2005, l'indice ha presentato un calo dell'1,8% rispetto all'anno precedente. Buoni risultati per i settori dell’estrazione di minerali (+7,3%), delle raffinerie di petrolio (+3,8%) e dell’energia elettrica, gas e acqua (+2,6%). In calo i comparti delle pelli e calzature (-7,7%), del tessile e abbigliamento (-6,5%), dei mezzi di trasporto e degli apparecchi elettrici e di precisione (-4,6%). Stabili i metalli e i prodotti in metallo.
Peggiora il deficit del commercio con i paesi dell’Ue per il nostro paese a dicembre. Rispetto allo stesso mese del 2004, le esportazioni verso i paesi comunitari sono diminuite dello 0,8%, mentre le importazioni sono aumentate del 2,3%. Il saldo commerciale è risultato negativo per 1.872 milioni di euro, a fronte di un deficit di 1.432 milioni di euro registrato nello stesso mese del 2004. Nell’anno 2005, rispetto all’anno precedente, le esportazioni sono cresciute dell’1,1% e le importazioni dell’1,2%. Nello stesso periodo il saldo è stato negativo per 2.045 milioni di euro, a fronte di un deficit di 1.849 milioni di euro nel 2004.



*********************************
Rispettando la legge sul diritto d'autore, siamo stati espressamente autorizzati da Siderweb S.p.A. alla pubblicazione di parte dei contenuti del sito www.siderweb.com.
Letto 5041 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Marzo 2013 11:21
ESS

Altro in questa categoria: « Assofermet: Rottame: Le difficolt »

icon80x80

 

appstore

googleplay

windows-badge

Calendario News

« Maggio 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Navigando sul nostro sito, accetti che possiamo utilizzare questi tipi di cookies. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.