News

Il primo bimestre del 2016 mostra una crescente dipendenza dell’Italia dai paesi extra Ue. Secondo i dati di Federacciai, il commercio di acciaio, infatti, vede una riduzione delle esportazioni al di fuori dell’Europa ed un deciso incremento dell’import. Entrando maggiormente nel dettaglio, per quanto concerne l’export, si nota una diminuzione del 19,0% rispetto allo stesso periodo del 2015, con volumi pari a 679.000 tonnellate.

Il rallentamento della siderurgia cinese, a marzo, è stato solo un lontano ricordo. Secondo i dati diffusi dall’associazione dei produttori siderurgici cinesi (CISA), infatti, l’output delle acciaierie del paese asiatico è stato pari a 70,65 milioni di tonnellate, con un aumento del 2,9% rispetto ai 68,65 milioni di tonnellate di febbraio.

Nel terzo mese del 2016 diminuiscono gli arrivi di materiale siderurgico a Porto Marghera. Secondo i dati diffusi dall’Autorità Portuale dello scalo veneto, infatti, gli sbarchi a marzo sono stati pari a 319.815 tonnellate, con un decremento del 6,8% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

Resta praticamente stabile a livello annuo il gap della produzione siderurgica italiana di acciaio. I dati diffusi oggi da Federacciai confermano infatti come a marzo la flessione del primo trimestre dell’anno sia rimasta stabile a -3,4% con 5,77 milioni di tonnellate prodotte.

I prezzi salgono, ma quali sono le cause di questi rialzi? Assofermet ha diffuso la consueta nota mensile destinata all’approfondimento degli andamenti delle materie prime siderurgiche all’interno della quale si sottolinea: «La primavera 2016 ha portato un’improvvisa e importante risalita dei prezzi».

 

Un inizio lento, poi l’accelerata
È servito qualche momento di assestamento per dare il via all’accelerazione.

Anche l’acciaio si ritaglia spazio nella campagna elettorale del repubblicano Donald Trump per la sua corsa alla Casa Bianca. Secondo la stampa statunitense, infatti, nella sua visita a Pittsburgh – la città d’acciaio segnata da una profondissima crisi – il candidato avrebbe promesso alle migliaia di abitanti presenti un impegno personale volto al ritorno della siderurgia nella città della Pennsylvania.

La Commissione Europea ha annunciato di aver ricevuto una denuncia relativa alla difesa contro le importazioni di determinati barre e tondi per cemento armato originari della Repubblica di Bielorussia oggetto di dumping e che causano pertanto un grave pregiudizio all’industria dell’Unione.

Quando i problemi sono globali, anche le possibili soluzioni devono esserlo. Gli esempi di collaborazione tra siderurgie – e istituzioni – stanno diventando importanti, evidenziando come la crisi mondiale del settore sia tale da chiedere il graduale abbandono delle iniziative, poco fruttuose, individuate in precedenza, per l’adozione di nuovi strumenti collaborativi e sinergici.

Per averne la certezza si dovrà aspettare l’assemblea annuale di fine maggio. Tuttavia la designazione di Antonio Gozzi alla guida di Federacciai per il terzo mandato da parte del direttivo dell’associazione è di fatto quasi una riconferma.

La notizia è da prendere con le pinze, soprattutto dopo l’annuncio da parte di Tata Steel di valutare la cessione dei propri asset inglesi, tuttavia lo scenario dipinto da giornale tedesco Rheinische Post sembra tutt’altro che campato per aria. Il team editoriale della testata ha infatti dedicato un ampio servizio alla possibilità di una joint venture tra le divisioni siderurgiche di ThyssenKrupp e Tata, indiscrezione che però non ha avuto commenti da parte dei due gruppi interessati.

Pagina 20 di 23

icon80x80

 

appstore

googleplay

windows-badge

Calendario News

« Ottobre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Navigando sul nostro sito, accetti che possiamo utilizzare questi tipi di cookies. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.