News
Euro Sider Scalo

Euro Sider Scalo

Obiettivo raggiunto. Il ministero dell’Industria e dell’Informazione tecnologica cinese ha affermato che la il Paese ha raggiunto il target relativo al taglio della capacità produttiva di acciaio stabilito per il 2017.

I dieci anni di crisi sembrano ormai un ricordo, almeno secondo i dati ISTAT sulla fiducia di imprese e consumatori.

REZZATO (BS) – Anche nel comparto fondiario, l’Italia occupa la seconda posizione nella classifica europea. Con 2,088 milioni di tonnellate di getti ferrosi e non ferrosi prodotti e 1.055 imprese (dati 2016), il settore tricolore riveste un ruolo di primo piano nell’industria continentale che ha prodotto lo scorso anno 15 milioni di tonnellate complessive e annovera 4.640 imprese.

Il report mensile della World Steel Association, aggiornato al mese di settembre  a +5,6% evidenzia sia l’output mensile, che quello annuo in crescita del 5,6% rispetto al 2016.

Metalli protagonisti sia nell’import che nell’export italiano ad agosto 2017.

Torna ad allungare il passo verso la risalita la produzione italiana di acciaio. Le acciaierie tricolori al termine del terzo trimestre 2017 hanno infatti sfornato ben 17,77 milioni di tonnellate di acciaio grezzo, il 2,5% in più rispetto ad un anno fa.

È un mondo dai consumi di rottame per produzione siderurgica sempre più importanti quello descritto nella relazione della Ferrous Division del Bir.
I dati aggiornati al primo semestre del 2017 sono stati presentati nel corso della World Recycling Convention del Bureau of International Recycling in corso fino al 16 ottobre a Nuova Delhi.

Nella seconda settimana di ottobre i prezzi in dollari delle materie prime e dei principali prodotti siderurgici sul mercato cinese hanno interrotto la fase riflessiva che li aveva spinti verso il basso.

È cresciuta anche sotto l’ombrellone la produzione industriale italiana. I dati diffusi dall’ISTAT hanno evidenziato ad agosto un incremento dell’1,2% su luglio. Più positiva la media trimestrale, che ha invece registrato una crescita del 2,2%.

«Altamente inusuale», così il direttore generale di Eurofer Axel Eggert definisce il regolamento pubblicato dalla Commissione Europea con cui istituisce i dazi per i piani a caldo provenienti da Brasile, Iran, Russia e Ucrania, compresi tra 17,6 e 96,5 euro la tonnellata.

Pagina 3 di 89

icon80x80

 

appstore

googleplay

windows-badge

Calendario News

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Navigando sul nostro sito, accetti che possiamo utilizzare questi tipi di cookies. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.