News
Thursday, 02 November 2017 06:00

USA: nuova indagine antidumping sull'Italia - In corso verifiche sull'import di raccordi in acciaio forgiato. Secondo i denuncianti, margini in dumping fino all'80%

Una nuova indagine antidumping che vede coinvolta l’Italia è stata avviata dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti: si intende determinare se i raccordi in acciaio forgiato italiani siano esportati negli USA a prezzi troppo inferiori rispetto a quelli del mercato a stelle e strisce.

 

Oltre all’Italia, nelle verifiche sono coinvolte Cina e Taiwan. Cina che rischia anche di vedersi applicare dazi compensativi, essendo sotto ulteriori indagini per il sospetto che i produttori cinesi ricevano «sovvenzioni sleali» da parte dello stato.

Gli accertamenti del Commercio hanno avuto origine a seguito della richiesta avanzata, lo scorso 5 ottobre, da Bonney Forge Corporation e dalla United Steel, Paper and Forestry, Rubber, Manufacturing, Energy, Allied Industrial and Service Workers International Union. Secondo le loro stime, l’Italia esporterebbe negli Stati Uniti raccordi in acciaio forgiato con un margine in dumping tra il 18,66 e l’80,20%.

Una decisione preliminare della US International Trade Commission è attesa non oltre il 20 novembre. A seconda del suo esito, proseguirà o meno l’iter verso l’applicazione di dazi.

Nel corso del 2016, ricostruisce la scheda informativa del Dipartimento del Commercio, dall’Italia sono state importate negli USA oltre 5mila tonnellate di raccordi in acciaio forgiato, per un valore di 21,2 milioni di dollari.

 

 

 

 

Fonte: siderweb.com

icon80x80

 

appstore

googleplay

windows-badge

News Calendar

« November 2017 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Navigando sul nostro sito, accetti che possiamo utilizzare questi tipi di cookies. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.